M. D'Azeglio - B. S. Zeno

“La macchina del vento” è il nome del laboratorio teatrale 2017 - 2018 della scuola Massimo D’Azeglio.  La macchina del vento, uno strumento musicale utilizzato per riprodurre in teatro il suono del vento, è anche l’immagine di un meccanismo che coniuga ingegno tecnologico, fantasia e suggestioni della natura. 

Le classi I e IIA della scuola Massimo D’Azeglio sono state selezionate dalla Fondazione Cariparo, in merito al progetto ATTIVAMENTE, nell’ambito della proposta Bombe Culturali- Storie in Cattedra.

Anche quest’anno, com’è tradizione nella scuola Massimo D’Azeglio, abbiamo progettato e realizzato libri d’arte, sintesi creativa di alcune procedure laboratoriali utilizzate nell’attuazione delle nostre programmazioni. Questo che presentiamo è un percorso realizzato con le classi PRIMA E SECONDA A. 

Nel documento in allegato, l'elenco del materiale che ciascun alunno di classe prima utilizzerà nei primi mesi di scuola.

L’esperienza che viene qui raccontata, condotta nella scuola primaria Massimo D’Azeglio - Borgo San Zeno,  è un utile esempio di come sia possibile insegnare l’amore per i libri, la poesia e le parole (e i numeri!) nella scuola primaria, attraverso una situazione laboratoriale creativa e stimolante.
Apprendere comprendendo il senso di quello che si sta facendo, rende le conoscenze significative, quindi più profonde e sicure.

Anche quest'anno la scuola primaria statale Massimo D'Azeglio di Montagnana ha aderito alla campagna “M'Illumino di meno” e alla Giornata del Risparmio Energetico, proclamata per il 24 febbraio 2017.
A questo scopo è stato avviato un percorso formativo con lo scopo di mettere l’accento sulla condivisione come strategia per risparmiare energia e produrre buona energia sociale.
Abbiamo inoltre invitato gli alunni ad inventare , immaginare e disegnare i Supereroi del risparmio energetico, utilizzando precise strategie matematiche, coerentemente con il progetto di plesso ARTEMATICA.

TENER LEVATI AL CIEL GLI OCCHI E LE CIGLIA
come l’ecclisse o la cometa sia


 
Anche quest’anno è giunto il momento di ritrovarci festosamente riuniti in occasione del tradizionale ricevimento di Natale.
L’incontro rappresenta anche un’occasione di verifica e sintesi delle attività realizzate nei primi mesi di scuola nello sviluppo del nostro progetto di plesso ARTEMATICA.

 

Grazie  alla  straordinaria partecipazione di tantissime scuole, la terza edizione di Libriamoci: giornate di lettura nelle scuole svoltasi dal 24 al 29 ottobre 2016,  si è conclusa con 4.029 iniziative registrate sulla banca dati del portale libriamociascuola.it!  Tra le numerose, interessanti iniziative vogliamo ricordare anche quella della Scuola Massimo D’Azeglio.

Nel corso del progetto ARTEMATICA, che, come consuetudine della nostra scuola, svilupperemo in modo trasversale rispetto alle discipline e alle educazioni, scopriremo la bellezza delle scienze e dei numeri accompagnati anche da pittori, poeti, musicisti.
Intrecceremo, infatti, i percorsi  dell’arte  e della matematica, dando loro uno sviluppo comune perché entrambe hanno alla base la fantasia e un linguaggio rigoroso.
Scopriremo come e perché artisti, scrittori, inventori di tutte le epoche hanno usato il linguaggio della matematica per comunicarci emozioni, riflessioni, pensieri.
Osservando le tante espressioni di bellezza attorno a noi, nell’arte e nella natura, ci accorgeremo che tutto ciò che di attraente ci circonda risponde a precise leggi matematiche.

Anche quest’anno, durante l’importante periodo dell’Accoglienza, abbiamo inteso gettare le basi per un percorso di lavoro coerente nelle scelte e nell’impostazione dell’intero anno scolastico.
I primi giorni di scuola sono fondamentali per adulti e bambini, perché pieni di aspettative, di ansie e di carica emotiva; per questo tutte noi insegnanti del plesso ci sentiamo  coinvolte, nei giorni precedenti l’inizio della scuola, ad organizzare ed allestire le aule, il materiale e le attività, così che l’avvio della nuova avventura scolastica possa essere per tutti ( alunni vecchi e nuovi, maestre e genitori) rassicurante, allegro e sereno.

A pochi mesi dalla chiusura di Expo 2015, è stata proposta agli alunni di tutte le classi della scuola Primaria Massimo D’Azeglio, una visita d’istruzione a Padova per alimentare nuove scoperte sul cibo e la nutrizione. 

Nel corso del viaggio, gli alunni hanno potuto visitare due allestimenti espositivi, uno a carattere scientifico, “FOOD, la scienza dal seme al piatto” e uno a carattere artistico “A TAVOLA”.

Entrambe le esperienze sono state spunto e stimolo per successivi approfondimenti disciplinari nelle classi, coerentemente con le tematiche del  progetto di plesso Ali ment azione.

In allegato il materiale realizzato dagli alunni.

11 NOVEMBRE 2015 - Da Expo alla Biennale. A/R Milano Venezia.

Dopo aver visitato i padiglioni di Expo a Milano, siamo entrati in quelli della Biennale a Venezia. L’Esposizione Universale e la Biennale nascono infatti  da un’idea comune: riunire il mondo in padiglioni e riempirli con ciò che esprime il meglio di un’epoca. 

Dunque, coerentemente con il nostro progetto di plesso ALI – MENT- AZIONE!, siamo andati alla ricerca di altre energie che NUTRONO il nostro pianeta.

Mercoledì 11 novembre noi bambini della scuola Massimo D’Azeglio ci siamo recati in visita d’istruzione a VENEZIA per visitare  l’ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D’ARTE  della BIENNALE.

La BIENNALE è una mostra di arte contemporanea che viene allestita ogni due anni in alcuni spazi di Venezia tra cui l’Arsenale e i Giardini.

Gli artisti, tutti del nostro tempo e provenienti dal mondo intero, usano materiali diversi per realizzare le loro INSTALLAZIONI.

Vai all'inizio della pagina